Stemma dell'Università Università: via Balbi 5 - 16126 Genova tel 010 209 91
     
 
  
   Indice sito | Intranet | Studenti & Laureati | Biblioteche | E-learning | Webmail | Faq  English version Version espanol 
    
Chi siamo
Staff
Facoltà
Dipartimenti
Corsi di studio
Dottorati
Ricerca scientifica
Servizi ai disabili
Università e lavoro
Università e imprese

Centri di Eccellenza Europei "Jean Monnet"

Home

Chi era Jean Monnet

Autobiografia

L'azione Jean Monnet

Progetti "Jean Monnet" dell'UniversitÓ di Genova

Materiale didattico

 

 

CHI ERA JEAN MONNET?

 Jean Monnet nacque nel 1888 a Cognac, Francia. Durante la prima guerra mondiale lavorò a Londra nel campo della cooperazione economica tra gli alleati. Dal 1920 al 1923 è stato segretario generale delegato presso la appena costituita Società delle Nazioni. Nei successivi 15 anni si occupò di finanza internazionale, pianificando una cooperazione economica tra Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti, e si dedicò agli affari legati all’industria del cognac dell’azienda di famiglia. Dopo la seconda guerra mondiale gli fu affidato l’incarico di guidare il Commissariat du plan, responsabile della ripresa economica della Francia..

Jean Monnet

Nel 1950 suggerì al Ministro per gli affari esteri francese Robert Schuman l’idea di unificare la produzione di carbone e acciaio di Francia e Germania.
Il suggerimento portò alla costituzione della Comunità europea per il carbone e l’acciaio. Monnet ne fu il primo presidente.
Monnet aveva un altro grande progetto, la costituzione della comunità per la difesa europea, ma non ottenne alcun risultato. Nel 1954 si dimise dalla carica di presidente dell’alta autorità della Comunità europea per il carbone e l’acciaio e un anno dopo fondò un comitato d’azione per gli stati uniti d’Europa. Il comitato si sciolse nel 1975. Nel 1976 ad un incontro tra capi
di stato in Lussemburgo si decise di conferire a Monnet il titolo di cittadino onorario d’Europa per il suo lavoro di fondatore della Comunità europea. Jean Monnet morì nel 1979.
L’idea su cui Monnet basava il suo lavoro era fondamentalmente che le istituzioni pubbliche, e non la cooperazione intergovernativa, erano la chiave per una comunità europea stabile e duratura.